Chiusura Studio periodo Natalizio

10 febbraio 2018

Chiusura Studio periodo Natalizio

Si comunica che i nostri uffici saranno chiusi al pubblico dalle ore 12.30 di  lunedì 23 dicembre, si riaprirà il 02 gennaio 2020.

Per una fattiva collaborazione Vi chiediamo cortesemente di comunicarci eventuali assunzioni con decorrenza tra il 24/12/2019 e il 02/01/2020 entro le ore 10.00 di venerdì 23 dicembre 2019

Retribuzioni del mese di dicembre:

Considerato l’obbligo di corrispondere le retribuzioni relative al mese di dicembre entro il 12 gennaio 2020, si richiede, soprattutto alle aziende che chiuderanno per le festività natalizie, l’invio delle presenze del mese di dicembre entro il 27/12/19.

           Per eventuali urgenti comunicazioni è attivo il servizio di reperibilità telefonando al numero 366-8170624.

 Nel ringraziarvi per la collaborazione, cogliamo l’occasione per porgere i nostri migliori auguri di buon Natale e felice anno nuovo.

  

                                                             Luisa Anna Baravalle  

                                                                    Carlo Baravalle 

                                                                             e collaboratori

 

Archivio news

 

News dello studio

set1

01/09/2020

COS'E' WEB DESK E PERCHE' UTILIZZARLO

Risparmio tempo, carta e rispetto della normativa sulla privacy nel dettaglio: 1) DATI LAVORATORE E CALENDARIO PRESENZE PRECARICATIQualora il Cliente non disponga di un sistema di rilevazione presenze,

set1

01/09/2020

Online Corsi di aggiornamento Sicurezza sul Lavoro

INSERIMENTO Nuovi corsi on line per addetti alla sicurezza nella pagina CORSI SICUREZZA    

ago31

31/08/2020

Covid 19 procedure di ingresso clienti/fornitori o soggetti esterni al nostro Studio

Le persone che accedono al nostro Studio sono tenute al rispetto del principio “ognuno protegge tutti".  Si invita la spettabile clientela a contattarci per eventuali appuntamenti.   -

News

set10

10/09/2020

Smart working: quale futuro dopo l'emergenza per imprese e lavoratori?

La fase emergenziale che perdurerà – almeno